Ciclismo

Giro d'Italia, gesto d'altri tempi di Ventoso sul Mortirolo

Nibali scatta ai piedi del Mortirolo, Ventoso gli passa una borraccia

Cristina Scarasciullo
28.05.2019 18:03

Ci sono momenti in cui la maglia che si indossa non ha più importanza. Momenti in cui l'avversario non è più tale e diventa spontaneo passare una borraccia ad un uomo lanciato verso la cima di una delle montagne più temibili del Giro d'Italia 102. Questo è quello che è successo nella sedicesima frazione della corsa rosa, da Lovere a Ponte di Legno, con l'impegnativa ascesa al Mortirolo. 

Mancavano circa 35 km al traguardo, Vincenzo Nibali ha guardato in faccia ai suoi avversari e, dopo aver sfruttato al meglio il lavoro dei suoi compagni di squadra, ha deciso di sferrare l'attacco, quando la strada iniziava ad impennare, per stanare i suoi avversari. Francisco Ventoso (CCC) che al contrario era in difficoltà sulle pendenze del Mortirolo e stava per essere raggiunto dal gruppo maglia rosa gli ha passato una borraccia.

Un gesto di sportività d'altri tempi, che nel ciclismo moderno si è andato parecchio perdendo e che rappresenta magnificamente il vero spirito di uno sport come il ciclismo. Ricorda un po' il passaggio di borraccia che avvenne tra Coppi e Bartali nel 1952, sulle strade del Tour, con le dovute differenze.

Quello di Ventoso è stato un silenzioso incitamento per un avversario, che su quella salita si stava giocando una buona fetta della vittoria finale, un gesto di buon auspicio per l'impresa che lo squalo si stava accingendo a fare. 

Questo è il ciclismo che a noi personalmente piace. 

 

(Video: https://www.facebook.com/EurosportItaly/videos/402692290334086/ )

Commenti

Giro d'Italia: il punto dopo due settimane
Giro d'Italia, la Rosa vola in Ecuador sulle spalle del Condor