Altri sport

ESCLUSIVA - Freccette, Giordano Reale racconta il Mondiale 2020

Giordano Reale, commentatore di Dazn delle freccette, in un'intervista in esclusiva ci racconta il Mondiale 2020, appena disputatosi.

Alessandro Francesco Nobile
03.01.2020 15:24

Abbiamo intervistato, in esclusiva, Giordano Reale che ha commentato su Dazn il Mondiale di Freccette, ha voluto raccontarci le sue impressioni dopo il titolo conquistato da Peter Wright, in finale contro il numero uno del Mondo Michael Van Gerwen.

- In questo Mondiale c'è stato il fenomeno Sharrock, che ne pensi?
Su Fallon Sherrock la cosa che ha stupito tutti è il dopo, perché era plausibile il suo record della prima vittoria nel Mondiale di una donna ma non una risonanza mediatica internazionale simile, dato che è stata intervistata da tutte le più grandi emittenti del Mondo. Nemmeno la PDC, forse, si aspettava una visibilità così importante. Lo stesso magnate, a capo della PDC, ci ha visto lungo e cavalcando questa ondata, l'ha invitata già per i più grandi eventi del 2020.

- Ha vinto il titolo Wright, era una cosa attesa?
Nessuno si sarebbe aspettato la sua vittoria. Questo perché i nomi per la possibile vittoria del Mondiale erano quello di Michael Van Gerwen, l'alieno, quello di Gerwin Price che negli ultimi major aveva giocato a 103/105 di average come l'olandese. Già dal primo turno, però, si è visto un Peter Wright in palla, lui che da anni è famoso per essere li con i grandi ma lo abbiamo sempre visto sbagliare le doppie di chiusura nei momenti importanti. Nel primo turno, ad esempio, contro il filippino Malicdem si è trovato spalle al muro ma ne è uscito con giocate di livello altissimo, con sei frecce perfette e una chiusura a 140 che lo hanno portato al turno successivo. Nessuno se lo aspettava, ma ha rispettato ciò che si è visto nel torneo dall'inizio.

- Mondiale sottotono di Michael Van Gerwen, a cosa è dovuto?
Questo, purtroppo, non so spiegarmelo dato che in telecronaca ho sempre detto che fino alla finale nessuno lo aveva impensierito e questo, forse, lo ha fatto arrivare all'atto conclusivo un po' molle e scarico. Se arrivi poi in finale non concentrato e al 100% e ti trovi un Peter Wright che, al contrario, aeva fatto un grande Mondiale fino a quel punto diventa tutto più complicato, anche se sei l'alieno che sembra imbattibile. Dopo il 2-0 iniziale dello scozzese c'è stato, in finale, il recupero di Van Gerwen fino al 3-2 (1-0 nei leg) pensavo che la partita fosse finita, invece Wright ne è uscito alla grande.

- Fuori subito Cross, è ancora uno dei grandi?
Io penso che Rob Cross sia ancora uno dei più grandi nel circuito, perché aveva vinto un major e un matchplay e di conseguenza è arrivato, solo, non in forma all'appuntamento più importante. Ha dimostrato più di una volta che non fosse un caso la sua vittoria al Mondiale nel 2018, adesso per me farà una grande Premier League e continuerà a giocare in maniera importante anche in questa stagione.

- Cosa ne pensi di ciò che è successo a Price, nel match con Wright?
In questa situazione bisogna dire che è iniziato tutto prima della partita, perché come dichiarato da Wright dopo la semifinale, prima dell'inizio della partita Price gli aveva detto "Vincerò io i primi due set" e da questo è arrivata la reazione dello scozzese, che dopo aver vinto il primo set gli ha mostrato la linguaccia. Io però voglio sottolineare come Price sia maturato rispetto a episodi del passato, dato che dopo ha voluto chiedere scusa per quanto successo e per le schermaglie a inizio match.

- Una previsione sulla nuova Premier League?
Secondo me la vincerà Michael Van Gerwen, dato che è sempre il più forte, e sarà stimolato dal nuovo sponsor, nonostante non si sia ancora capito a quanto ammonta, in denaro, la firma dell'olandese. Si aspettavano già di presentare il nuovo sponsor con il titolo di Campione del Mondo, per questo la voce si era sparsa durante il torneo iridato. Secondo me i quattro che arriveranno alla O2 Arena, di Londra, per la serata finale potrebbero essere, proprio, l'olandese, Gerwin Price, spero in Peter Wright e Nathan Aspinall. Quest'ultimo mi piace molto, potrebbe trovare subito la serata finale alla sua prima partecipazione in Premier League.

 

In chiusura Giordano Reale ha voluto ringraziare Dario Mastroianni e Roberto Marchesi che lo hanno accompagnato, sui canali di Dazn, nelle telecronache del Mondiale. Con un accenno anche alle due federazioni italiane di freccette, FIGF e FIDART, e agli amici del blog DIDDLE FOR THE MIDDLE che con i loro articoli, puntuali e precisi, lo aiutano nella preparazione delle telecronache. Infine, ringrazia Andrea Campagna che è stato il suo primo maestro sui canali di Eurosport e Luca Franchini che lo aveva voluto a Sky.

Commenti

L'OPINIONE - Ennesima sospensione nel mondo dello sport