Serie A

FOCUS - Conte, la corsa e i chilometri di Brozovic: così è cambiata l'Inter

Antonio Conte, allenatore dell'Inter, ha cambiato il modo dei nerazzurri di affrontare le partite rispetto alle stagioni passate.

Alessandro Francesco Nobile
11.10.2019 11:27

Una delle note liete di questo primo segmento di stagione è, senza dubbio, la nuova Inter di Antonio Conte. La squadra nerazzurra, nelle prime sette giornate, ha racimolato sei vittorie e una sconfitta. L'ultima gara, persa in casa 1-2 contro la Juventus, ha abbassato le attenzioni improvvisamente su una squadra che, invece, era riuscita a mostrare un calcio nuovo rispetto agli ultimi anni. Il tecnico pugliese, infatti, si era presentato con un "Testa bassa e pedalare" che aveva fatto discutere perché si pensava fosse il classico slogan per dribblare i giornalisti, invece la sua squadra è riuscita a portare questa filosofia sul terreno di gioco. Se andiamo ad analizzare la statistica della mole di corsa delle squadre di Serie A, possiamo notare come i nerazzurri siano quelli che riescono a correre maggiormente e, di conseguenza, mettere in difficoltà dal punto di vista tecnico gli avversari. Un'altra nota importante è il centrocampo che ha trovato in Stefano Sensi e Nicolò Barella i gregari giusti per Marcelo Brozovic, i due azzurri riescono a togliere molto lavoro al croato che si deve, così, occupare solamente dell'impostazione della manovra di gioco. Inoltre, un dato interessante, è dato dal fatto che lo stesso Brozovic sia il calciatore che ha persorso più chilometri nell'intera Serie A, un dato anomalo che fa capire come il gioco di Conte sia diverso da tutti gli altri e che riesce a trovare soluzioni diverse dall'ordinario. L'effetto Conte, però, lo potremo valutare soltanto nel resto della stagione, per capire se l'Inter riuscirà a mantenere questi ritmi fino a maggio, in quel caso potrebbe dar fastidio a Juventus e Napoli nei piani alti della classifica. 

Commenti

La storia: Ranieri alla Samp? Nove anni fa gli costò uno scudetto
IL COMMENTO - Da Giampaolo a Pioli: Milan, ne vale la pena?